Blaser Swisslube Logo

Test dei fluidi da taglio e rettifica: come testiamo nel Technology Center

Il laboratorio di ricerca e sviluppo di Blaser Swisslube

In Blaser Swisslube, dal 2009 testiamo i nostri fluidi da taglio e rettifica nel nostro Technology Center interno utilizzando macchine CNC di ultima generazione. Ci sono molti fattori da considerare in questi esperimenti. La cosa più importante, però, è un approccio pulito e molto preciso. Un buon fluido da taglio e rettifica ha molte caratteristiche. Nella mia serie, spiegherò cosa è necessario considerare quando si eseguono test su fluidi di raffreddamento e rettifica. Nella prima parte parlerò di materiali e strumenti. Un buon fluido da taglio e rettifica ha molte caratteristiche. Nella mia serie, spiegherò cosa è necessario considerare quando si eseguono test su fluidi di raffreddamento e rettifica. Nella prima parte parlerò di materiali e strumenti.

Diversi reparti lavorano insieme quando viene sviluppato un nuovo fluido da taglio e rettifica. Da un lato c’è il nostro team di Product Management, che valuta le esigenze del mercato e su questa base ordina nuovi prodotti per lo sviluppo. Dall’altro c’è il nostro laboratorio di Ricerca e Sviluppo. Qui i nostri chimici lavorano instancabilmente su prodotti sempre più potenti, stabili e compatibili. Ultimo, ma non meno importante, siamo lieti di ricevere feedback pratici e suggerimenti dal nostro Servizio Clienti, che utilizziamo per ulteriori sviluppi.

Test dei fluidi da taglio e rettifica – valutazione dei punti di forza e di debolezza

Naturalmente, tutte le caratteristiche chimiche e biologiche, nonché la compatibilità umana e ambientale, sono registrate in laboratorio. I dati coprono già una gamma molto ampia di informazioni. Le prestazioni in diversi materiali possono essere stimate in modo efficace utilizzando i parametri tribologici. Tuttavia, i test nel nostro Centro Tecnologico sono fondamentali per valutare le prestazioni effettive nelle applicazioni pratiche di lavorazione.

Ma cosa significano prestazioni in relazione a un fluido da taglio e rettifica?

Una delle caratteristiche più importanti è l’influenza sulla vita utensile con parametri coerenti. Per determinare in modo affidabile questa influenza, dobbiamo fare affidamento sulla nostra vasta esperienza, sulla nostra infrastruttura moderna e sulla nostra capacità di lavorare con la massima precisione. L’unico fattore che può cambiare da un test all’altro è il fluido da taglio e rettifica.

Per avvicinarci al cliente e alla pratica quotidiana, dal 2009 disponiamo di un nostro Centro Tecnologico dove faccio parte del team. Qui effettuiamo prove pratiche di taglio con un’ampia varietà di materiali e lavorazioni sulle più moderne macchine CNC. Le nostre operazioni principali sono tornitura, fresatura, foratura, alesatura, filettatura e rettifica.

Il centro tecnologico Blaser Swisslube

Tracciamo una distinzione fondamentale tra due tipi di test che effettuiamo nel Centro Tecnologico. In primo luogo, ci sono test interni standardizzati per il nuovo o l’ulteriore sviluppo di fluidi da taglio e rettifica, che consentono di classificare le prestazioni. In secondo luogo, realizziamo anche progetti per i clienti in cui riproduciamo un problema specifico e cerchiamo la soluzione ottimale per il singolo caso.

Questa serie in più parti offre una panoramica delle cose che cerchiamo nei nostri test di fresatura standardizzati nello sviluppo del prodotto al fine di ottenere dati affidabili.

Questa parte riguarda i materiali e lo strumento di prova utilizzato.

Materiali diversi per segmenti diversi

Testiamo i nostri fluidi da taglio e rettifica sui materiali più comuni o problematici utilizzati dai nostri clienti:

Effettuiamo quindi prove standard sui seguenti materiali: Alluminio, acciaio inossidabile e bonificato, titanio, Inconel 718 e cromo cobalto. Questo mix di materiali copre un gran numero di applicazioni.

Per ottenere un risultato esatto e riproducibile, è fondamentale una qualità costante delle materie prime. Ecco perché otteniamo sempre una grande scorta dallo stesso lotto. In questo modo possiamo eliminare anche le più piccole differenze che possono sorgere durante la produzione. Inoltre, utilizziamo un dispositivo di misurazione mobile per verificare la durezza dei materiali. Questo ci consente di garantire che le condizioni di lavorazione siano sempre identiche. È inoltre importante acquistare la merce dallo stesso fornitore per poter garantire la stessa qualità per un lungo periodo di tempo.

Riproducibilità durante la vita della coppa

Le cose sono simili con lo strumento. Non utilizziamo necessariamente lo strumento migliore, ma piuttosto quello che offre la durata più riproducibile della coppa. Lo stesso vale per i parametri di taglio. La riproducibilità è più importante nei nostri test sui fluidi da taglio e rettifica rispetto alla massima durata della coppa o alla massima produttività. Tuttavia, il nostro obiettivo è sempre che i parametri di lavorazione siano ancora pratici e che tutti e tre i criteri menzionati vengano combinati il più possibile.

In consultazione con il produttore dell’utensile, abbiamo effettuato numerosi test al fine di determinare l’inserto indexabile più adatto per ogni materiale per soddisfare le nostre esigenze. Come per il materiale, procuriamo anche un ampio stock di strumenti. Anche il modo in cui vengono bloccati gli utensili è importante, con l’obiettivo principale sull’eccentricità. Poiché lavoriamo con inserti intercambiabili, il corpo di base rimane sempre bloccato e vengono cambiate solo le piastre di tornitura. Ci assicuriamo che la deviazione di run-out dei taglienti non sia maggiore di 0,006 mm. In questo modo possiamo prevenire l’affaticamento prematuro di un tagliente.

La seconda parte della serie sarà interamente dedicata ai fluidi da taglio e rettifica.